Altro
    HomeItaliaInfrastrutture e trasportiDisuguaglianze nel sistema ferroviario italiano

    Disuguaglianze nel sistema ferroviario italiano

    Pubblicato il

    L’Italia si confronta con disuguaglianze territoriali significative, evidenti anche nel settore dei trasporti ferroviari. Se da Milano a Roma (575 km) ci si impegano 2 ore e 50minuti, per andare da Trapani a Ragusa (355 km) ci vogliono 13 ore e 14 minuti. Questa dato rapprensenta lampantemente il divario della rete ferroviaria territoriale fra nord e sud. Un recente studio condotto da Legambiente, intitolato “Pendolari 2024“, ha messo in luce le disparità esistenti tra le regioni settentrionali e meridionali del Paese, rilevando una serie di sfide per l’efficentamento del sistema ferroviario italiano.

    Differenze nell’età dei convogli

    Una delle discrepanze più evidenti riguarda l’età media dei treni in servizio. Secondo i dati raccolti, mentre al Nord l’età media dei convogli si attesta intorno ai 14,6 anni, al Sud supera i 18 anni. Il Molise e la Calabria si distinguono per avere i treni più anziani, con punte che superano i 20 anni. Questo divario nell’età dei convogli evidenzia una differenza significativa negli investimenti e nella manutenzione delle flotte ferroviarie tra le due aree geografiche.

    Linee ferroviarie critiche al Sud

    Il Sud Italia si trova ad affrontare una serie di criticità legate alle sue linee ferroviarie. Molte delle linee considerate tra le peggiori sono situate nel Sud: «Le ex linee circumvesuviane (142 km, ripartiti su 6 linee e 96 stazioni), la linea Catania – Caltagirone-Gela, la linea Jonica che collega Taranto e Reggio Calabria, la linea adriatica nel tratto pugliese Barletta-Trani-Bari». E non possiamo non citare le «linee ferrovie chiuse e sospese ormai da anni come quella della Palermo-Trapani via Milo (chiusa dal 2013 a causa di alcuni smottamenti di terreno), della Caltagirone-Gela (chiusa a causa del crollo del Ponte Carbone l’8 maggio 2011) o quelle delle linee a scartamento ridotto che da Gioia Tauro portano a Palmi e a Cinquefrondi in Calabria, il cui servizio è sospeso da 11 anni e dove non vi è alcun progetto concreto di riattivazione».

    Situazione in Sicilia

    Anche in Sicilia, nonostante i progetti per l’alta velocità sulla tratta Messina-Catania-Palermo, persistono problemi strutturali significativi. L’85% dei binari rimane a singolo binario, rallentando i tempi di percorrenza e limitando l’efficienza del trasporto ferroviario sull’isola. Inoltre, la mancanza di elettrificazione su quasi la metà dei chilometri contribuisce ulteriormente alla lentezza dei servizi. Come detto prima: «Sono imbarazzanti i tempi di percorrenza: a esempio per andare da Trapani a Ragusa ci si impiegano 13 ore e 14 minuti, cambiando 4 treni regionali».

    Appello per maggiori investimenti

    Di fronte a questa situazione critica, Legambiente ha lanciato un appello al governo affinché si concentri su interventi mirati per potenziare il sistema ferroviario del Sud. L’associazione sottolinea l’importanza di investire in nuovi treni, elettrificazione delle linee e miglioramento dei collegamenti, sia via terra che via mare, anziché concentrarsi su progetti costosi come il Ponte sullo Stretto di Messina.

    Nonostante le sfide, ci sono segnali positivi come il trend di crescita dei passeggeri su treni Frecciarossa, Intercity e regionali. Inoltre, sono in corso progetti di elettrificazione delle linee e riapertura di alcune tratte, soprattutto nel Nord Italia. Tuttavia, affrontare le disuguaglianze nel settore ferroviario richiederà un impegno costante da parte delle istituzioni, con investimenti mirati e strategie a lungo termine per garantire un servizio ferroviario efficiente e accessibile per tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro collocazione geografica.

    Articoli Recenti

    Lavoro, giovani ed Europa intervista a Susanna Camusso

    È oggi nostra ospite l'On. Susanna Camusso, senatrice del Partito Democratico e storica segretaria...

    Fumare uccide, ma è sempre meglio che sia legale

    Sulla scia di ciò che si era provato a fare a Novembre 2023 in...

    Family Tree: le origini dell’AVS

    Alleanza Verdi-Sinistra è l’unione elettorale promossa da Europa Verde di Angelo Bonelli e da Sinistra Italiana...

    Università e pressione sociale: agire prima che sia troppo tardi

    Catania, un’altra giovane vita spezzata: una studentessa tirocinante di Medicina si è recentemente tolta...

    Leggi Anche

    Lavoro, giovani ed Europa intervista a Susanna Camusso

    È oggi nostra ospite l'On. Susanna Camusso, senatrice del Partito Democratico e storica segretaria...

    Fumare uccide, ma è sempre meglio che sia legale

    Sulla scia di ciò che si era provato a fare a Novembre 2023 in...

    Family Tree: le origini dell’AVS

    Alleanza Verdi-Sinistra è l’unione elettorale promossa da Europa Verde di Angelo Bonelli e da Sinistra Italiana...