Altro
    HomeSenza categoriaApprovato il trattato per la salvaguardia degli oceani

    Approvato il trattato per la salvaguardia degli oceani

    Pubblicato il

    Dopo quasi 40 anni di trattative le Nazioni Unite hanno finalmente ratificato un trattato storico volto alla protezione degli habitat marini

    Ma sappiamo come si conclude un trattato? 
    L’iter è consiste nei sottostanti passaggi.
    È bene premettere che i trattati possono dar vita a regole materiali, cioè a norme che disciplinano i rapporti tra Stato imponendo obblighi e attribuendo diritti, proprio come i contratti del diritto interno. Ma come si arriva al raggiungimento di un accordo internazionale
    Il procedimento di formazione del trattato è molto simile a quello eseguito nelle monarchie assolute del 1700 in Europa. Al tempo il potere di stipulare trattati era di competenza del Capo di Stato. Esso era negoziato dai rappresentati del Sovrano, i cosiddetti plenipotenziari. 
    Attualmente le fasi di stipulazione di un trattato sono le seguenti: 
    1) negoziazione 
    2) firma 
    3) ratifica 
    4) scambio di ratifiche

    Il primo step è tanto più complesso quanto più numerosi sono gli Stati che partecipano alla negoziazione.
    La seconda fase prevede l’apposizione di una firma o una parafatura, ossia l’apposizione delle sole iniziali da parte dei plenipotenziari. 
    La terza fase è dedicata alla ratifica, ossia la manifestazione di volontà con cui la nazione si impegna a rispettare gli obblighi assunti. In Italia è il Presidente della Repubblica, ai sensi dell’articolo 87 comma 8 della Costituzione, a ratificare i trattati previa, quando occorre, autorizzazione delle Camere.  
    Una volta perfezionata la fase 3, si giunge all’ultima fase, la fase 4, che vede lo scambio o il deposito delle ratifiche.
    Successivamente il trattato viene registrato presso il Segretariato delle Nazioni Unite
    Questo è il procedimento ordinario di stipulazione di un trattato internazionale.
    Dopo questo lungo excursus veniamo all’oggetto del discorso. 

    Il trattato prevede la salvaguardia della flora e fauna marina oltre le 200 miglia nautiche, le cosiddette acque internazionali. L’intesa raggiunta è stata considerata dall’assemblea come una svolta storica per la protezione degli oceani.

    “La nave ha raggiunto la riva” è così che la Presidente della Conferenza Internazionale sulla biodiversità, Rena Lee, ha annunciato il nuovo accordo che mira a proteggere almeno il 30% dei mari entro il 2030

    È bene precisare che il precedente excursus intende sottolineare la complessità di tali trattati, soprattutto nella fase della negoziazione. Le altre informazioni mirano a fornire delucidazioni rudimentali per quanto concerne un ambito, quello dei trattati internazionali, ancora fortemente soggetto a mistificazioni e false informazioni tecniche.

    Articoli Recenti

    Lavoro, giovani ed Europa intervista a Susanna Camusso

    È oggi nostra ospite l'On. Susanna Camusso, senatrice del Partito Democratico e storica segretaria...

    Fumare uccide, ma è sempre meglio che sia legale

    Sulla scia di ciò che si era provato a fare a Novembre 2023 in...

    Family Tree: le origini dell’AVS

    Alleanza Verdi-Sinistra è l’unione elettorale promossa da Europa Verde di Angelo Bonelli e da Sinistra Italiana...

    Università e pressione sociale: agire prima che sia troppo tardi

    Catania, un’altra giovane vita spezzata: una studentessa tirocinante di Medicina si è recentemente tolta...

    Leggi Anche

    Lavoro, giovani ed Europa intervista a Susanna Camusso

    È oggi nostra ospite l'On. Susanna Camusso, senatrice del Partito Democratico e storica segretaria...

    Fumare uccide, ma è sempre meglio che sia legale

    Sulla scia di ciò che si era provato a fare a Novembre 2023 in...

    Family Tree: le origini dell’AVS

    Alleanza Verdi-Sinistra è l’unione elettorale promossa da Europa Verde di Angelo Bonelli e da Sinistra Italiana...